Bibliotecum

Un progetto sostenuto dalla Fondazione CON IL SUD” e dal CEPELL nell’ambito del bando “Biblioteche di Comunità”

___

Rispondere ai bisogni di integrazione, attraverso lo strumento della lettura e della cultura, invitando ciascuno (TE) a sentirsi parte di una stessa comunità (CUM). Questo è, in sintesi, il progetto “BiblioTE…CUM” che intende rendere gli spazi della cultura luoghi aperti, innovativi, integrati ed inseriti nel territorio, attraverso l’ampliamento dei servizi e delle proposte rivolte a specifiche fasce della popolazione ed al coinvolgimento di soggetti deboli.

BiblioTE…CUM prevede

> l’apertura della biblioteca nei week-end;
> l’allestimento e il potenziamento di spazi adibiti all’allattamento e al cambio dei neonati;
> la realizzazione, in giardino, di una gaming zone specializzata sui fumetti e i graphic novel che diventerà crocevia di appuntamenti ludici per ragazzi;
> l’installazione di una postazione per l’ascolto e la fruizione di audiobooks;
> la traduzione in audiolibri di 10 testi della cultura locale con le voci dei cittadini volontari delle comunità di Santeramo in Colle e Adelfia;
> un laboratorio musico-letterario e di narrazione autobiografica per anziani;
> appuntamenti di confronto, formazione e laboratorio per i neogenitori;
> il reinserimento lavorativo di soggetti svantaggiati nel ruolo di “sentinelle della biblioteca”

Il progetto BiblioTE…CUM è un’idea della Società Cooperativa Sociale Soleluna

Realizzata in sinergia con:
Associazione Culturale Leggere Coccole ATS
Comune di Santeramo in Colle
Comitato Zonale e Provinciale ANSPI Bari 
Comune di Adelfia
COOPERATE Società Cooperativa Sociale ONLUS
LibriAmo di Volpe Antonio
Università della Terza Età Rosalba Barnaba

Le Biblioteche coinvolte
Biblioteca Comunale  “Giovanni Colonna” di Santeramo in Colle
Biblioteca Comunale “Antonio Cafaro” di Adelfia

I Luoghi coinvolti
Biblioteca“Giovanni Colonna” e Comune di Santeramo in Colle
Biblioteca “Antonio Cafaro” e Comune di Adelfia

Per saperne di più visita la pagina dedicata sul sito Esperienze con il Sud e la pagina Facebook del progetto